Anonimo ha scritto 3 anni fa

Mia mamma, di 64 anni e in menopausa già da una decina, è stata operata lo scorso 28/04 per un carcinoma al seno attraverso quadrantectomia. L’area circostante il tumore era priva di metastasi, come lo stesso linfonodo sentinella. Dopo l’intervento ha fatto la scintigrafia ossea con esito negativo. I risultati dell’esame istologico rilevano un carcinoma duttale infiltrante, grado III con circostanti focolai di carcinoma duttale in situ di grado intermedio (25%). Non si rinvengono figure di invasione vascolare e la cute soprastante risulta libera da neoplasia. Il recettore per l’estrogeno risulta al 98% e quello per il progesterone al 60%. Il Ki-67 è pari al 40%. Il fattore HER-2 pari ad 1+.
So che il referto non è dei migliori. Vivo lontana da mia mamma e vorrei sapere cosa aspettarsi da questo tumore con queste caratteristiche. So che tutto varia da persona a persona e ci sono molti fattori che rendono quasi imprevedibile il decorso della malattia. Sta facendo 4 cicli di chemio adiuvante EC, a cui seguiranno 30 sedute di radioterapia e probabilmente terapia ormonale. La mia domanda è quindi questa: che aspettative di guarigione ci sono con questi dati? Si può dire che il tumore di mia madre è “stato preso in tempo?”