Anonimo ha scritto 4 anni fa

Salve, sono una ragazza di quasi 18 anni . Ho chiesto questo consulto medico perchè nessuno riesce a trovare una spiegazione e soluzione al mio problema. Innanzitutto vorrei anticipare che sono passati ben 4 mesi dall’accaduto e, purtroppo, si continuano a fare semplici supposizioni. I miei problemi principali sono due: broncopolmonite e trombosi. La mia storia clinica parte dall’età di 4 anni nel 2000, quando a causa di una persistente febbre sono stata ricoverata nell’azienda ospedaliera di RiBera (Ag) . Ivi da rx al torace è emersa la broncopolmonite (addensamento a destra (versamento pleurico?) interessante il campo medio e inferiore ) curata con aerosol, bentelan e rocefin .. All’età di 6 anni il problema si è ripresentato con gli stessi sintomi. Rx presentano opacità al lobo superiore destro.terapia: rocefin ,macladin ed augmentin . Terzo ed ultimo episodio di broncopolmonite : tc torace con MCD presenta bronchite tassie di tipo cilindrico- sacciforme localizzate al lobo superiore destro e air trapping del parenchima polmonare a valle con ipertrasparenza del parenchima polmonare . Dopo quest’ ultimo caso  ci si è recati a Palermo nell’ospedale dei bambini Santa Cristina nel reparto di fibrosi cistica che per alcuni mesi mi ha fatto seguire la terapia aerosol +terapep e alla fine volevano effettuare una broncoscopia per verificare se gli episodi di broncopolmonite fossero dovuti alla presenza di un corpo estraneo nei polmoni o da una deformazione fisiologica di essi . Operazione che però non è stata effettuata per scelta personale perché non strettamente necessaria. Dopo un controllo presso un’immunologa ho iniziato ad assumere il broncomunal ,convinti che questi problemi fossero dovuti agli anticorpi e che in età dello sviluppo sarebbero scomparsi. Questione irrisolta.               Nel 2012 si presenta un problema del tutto diverso: trombosi venosa profonda della vena succlavia ascellare sx. Diagnosi: trauma da palestra. Cura:  8 mesi di coumadin regolato dal primario di medicina interna nell’ospedale di Sciacca, poi sospeso nel giugno 2013 . Quest’anno , 2014 si ripresenta un sospetto caso di trombosi venosa profonda alla succlavia dx , per cui si comprende che la precedente diagnosi era errata e che alla base ci sta un problema molto più grande (ricordo sempre la mia età 17 anni.il primo episodio di trombosi era avvenuto a 15 anni). Recata allora al dipartimento di ematologia al policlinico di Palermo , mi sono sottoposta ad una serie di analisi speciali  per escludere mutazioni genetiche (ANA, fattore viii-sp, ricerca clone epn ,mutazione del gene jak2 ecc…) , in cui sono risultati positivi ANA 1:80 , asma . È stata eseguita anche una Angio tc con MCD per individuare eventuali anomalie che possano ostacolare il flusso sanguigno. Da essa è emersa la persistenza di air trapping e bronchiectasie nei polmoni, ma nessun problema alle vene.  Mi chiedo: sono collegati i due fenomeni? Come? Cosa si può fare? È possibile che sia nata con queste bronchiectasie e air trapping ? Mi manca collagane? Di quali malattie si potrebbe trattare nel mio caso?????? 

Redazione Staff ha risposto 4 anni fa

Gentile amica, grazie per averci formulato questa interessantissima domanda. Chi scrive è la Redazione che la sta girando ai medici attualmente presenti sul portale. Speriamo in breve tempo di riuscire a colmare ogni vuoto di categorie importanti come l’ematologia, in modo da fornire un supporto sempre più attento ed immediato.